Top ↑ | Archive | ?

"Andai nei boschi perché volevo vivere saggiamente, affrontare soltanto i fatti essenziali della vita, e vedere se non fossi capace d’imparare quanto aveva da insegnarmi, e per non scoprire, in punto di morte, di non aver vissuto. Non desideravo vivere quella che non era una vita, la vita è così preziosa; non desideravo nemmeno praticare la rassegnazione, a meno che non fosse proprio necessario. Volevo vivere fino in fondo e succhiare tutto il midollo della vita, volevo vivere in modo così vigoroso e spartano da sradicare tutto ciò che non fosse vita, falciare ampio e rasoterra, e mettere poi la vita in un angolo e ridurla ai minimi termini, e nel caso si fosse rivelata meschina, allora volevo assumermi tutta la sua genuina meschinità e dimostrarla al mondo; oppure, se si fosse dimostrata sublime, conoscerla con l’esperienza ed essere capace di darne un resoconto fedele nella mia prossima escursione."

(Henry David Thoreau, Walden)

Sospesi.

Brace.

"Foto di gatti e affetto brutale".

Vagabond.

Seguirà buffet.

Silhouette, mentre viaggi.

Scrivanie.

Ristoranti dentro chiese.

Paolo Veronese. Palazzo della Gran Guardia, Verona.

"Io voglio raccontare e voglio che mi si racconti, perché anche il poco che sappiamo è meglio di niente."

"L’unica vera nostalgia che ho."

After the curtain.

"Io per amare ho bisogno della distanza, ed è per questo che le cose che amo sono prossime alle stelle" (P. M. Cristalli)

Tu, sanguinosa infanzia.